25 giugno 2006

Il mio primo 3000!

Fine settimana passato in montagna.
Siamo partiti sabato nel tardo pomeriggio per raggiungere il Rifugio Livio Bianco (1910 m s.l.m.), dopo una camminata di circa 2 ore e 40 minuti da S. Anna di Valdieri (978 m). Cena e nanna in rifugio, piccolo ma accogliente.
Il mattino di domenica, sveglia presto e via per raggiungere il nostro obiettivo: il Monte Matto (3088 m).
E' stata una lunga e faticosa escursione, soprattutto quando si camminava nelle pietraie e si doveva un po' improvvisare il sentiero cercando la via più agevole per procedere senza perdere d'occhio gli ometti di pietre.
Il tratto peggiore: l'ultima pietraia prima della cima, abbastanza insidiosa per via dei numerosi massi mobili... fortunatamente siamo riusciti a attraversarla sia in salita che in discesa senza danni, però in certi momenti ammetto di aver avuto un cicinin di paura :P
La nostra camminata è stata più volte resa molto interessante dalla comparsa, a distanza ravvicinata, degli abitanti della zona: camosci nel primo tratto, stambecchi a altitudine maggiore.

Dopo circa 3 ore e 50 minuti ero sulla vetta.
Per la prima volta a 3000 metri di quota!
Una gran soddisfazione dopo tanta fatica. Come sempre dopotutto.
Solo pochi minuti per riprender fiato, godere un po' del panorama e fare un paio di foto perché la nebbia iniziava a salire.
Veramente una bella gita. E poi era la prima volta che vedevo dal vivo gli stambecchi! Mai mi sarei aspettata di poterli avvicinare così! :o)
Peccato solo il tempo che è stato molto variabile: al mattino decisamente sereno, poi in tarda mattinata sono salite delle nubi che ci hanno portato nebbia e pioggia. Una volta scesi al rifugio è di nuovo uscito il sole.

7 commenti:

Scarabocchio ha detto...

Standing ovation!
Ma che coraggio...
(:-P)

[PS: Grazie per l'accoglienza!]

Paola ha detto...

Ma che brava io non ce la potrei mai fare!!!
Grazie Irma per essere passata da me....Athos ringrazia per i complimenti e io gongolo!!!
Buona domenica Paola

P.S Mi sono permessa di mettere il tuo blog nella lista di quelli che seguo

Irma ha detto...

Grazie!
Ti linko subitissimo anche io! :)
baciotti a Athos!
Irma

Anonimo ha detto...

Ciao, sono Paolo caprettetibetane, mandato a casa per due giorni di riposo, poi lunedì mattina operazione ...

Così mi riposo sotto un ulivo con tutto il mare davanti, anche se con vista monoculare ;-). Poi quando cala un po' il sole posso lavorare un po' nell'orto controllato dalle caprette, che se potessero passare la rete farebbero tabula rasa.

Molto bello il tuo blog, lo metterò tra i link al mio ritorno, complimenti per la scalata, io da giovane ero stato sul Latemar, in Val di Fiemme, poi la spondilite e addio scalate, solo tanto nuoto.

Paolo

Irma ha detto...

@Paolo: lo so bene che le capre sono specialiste nel fare tabula rasa di tutto... :D
ciao! :)

Patrizia ha detto...

Ehi! Siamo in due appassionate di montagna! Anche io ho affrontato il monte Matto ( che fatica! ) e poco distante da lì il MIO primo 30000: il Monte Ghiliè! In cima ero distrutta, ma che soddisfazione !!!! Bello, bello, bello... Non c'è nulla di più bello delle montagne!

Patrizia ha detto...

OPSSSS... Sopra volevo dire il MIO primo 3000, non 30000... neanche fossi arrivata sulla luna!
Ciao!Patty